Traitement de la diplégie cérébrale infantile

Esatta definizione della paralisi cerebrale infantile non esiste. Sotto la diagnosi si intende: l'insieme dei sintomi di disturbi cronici di funzioni motorie. Le cause della malattia sono danni al cervello. È da questi (gravità, la natura, quantità e precisa localizzazione di lesioni) dipende la forma in cui si manifestano i disturbi nella struttura muscolare e il funzionamento di tutto l'organismo.

Riconoscere la paralisi cerebrale infantile si può per un certo numero di sintomi principali:

·         aumento del tono dei muscoli;

·         spasmi incontrollati nei muscoli del corpo;

·         movimenti incontrollati a scatti;

·         limitazione dei movimenti nelle articolazioni;

·         diminuzione del tono muscolare

I sintomi spesso accompagnati da disturbi della vista, dell'udito o ritardo nello sviluppo mentale. Nel complesso i sintomi possono essere vari disturbi emotivi e mentali, problemi di linguaggio, epilessia, convulsioni, minzione involontaria, difficoltà respiratorie, difficoltà a deglutire, e altro ancora.

Che può causare la paralisi cerebrale infantile?

Ci sono le ragioni evidenti e nascoste. In alcuni casi, la malattia compare da diversi fattori di rischio contemporaneamente.

Oltre 100 potenziali cause portano alla paralisi cerebrale. Esse possono essere raggruppati in 3 gruppi principali:

1.       Il corso della gravidanza. Questi includono: vari Rh - della donna e il feto, malattie ereditarie, insufficienza placentare. Le malattie trasmissibili (herpes, rosolia, e altri.) influenzano negativamente il cervello del bambino, le mutazioni cromosomiche, ipossia, ischemia.

2.       Parto. Contrazioni/premiti rapide e prolungate possono causare la paralisi cerebrale. I fattori di rischio sono anche la stimolazione medicamentosa, prematurità, foratura del liquido amniotico, presentazione cefalica del feto, il peso grande del feto, la mancanza di ossigeno, distacco di placenta, soffocamento per aggrovigliamento del cordone, ostruzione per via del bacino stretto della madre. 

3.       Periodo di adattamento del neonato all'ambiente (da 4 settimane a 2 anni). I fattori esterni possono avere un impatto negativo sul bambino. Alcuni di essi possono essere evitati o minimizzati. Questo gruppo di rischio include le lesioni alla testa, il sistema nervoso centrale (meningite, encefalite), l'avvelenamento da sostanze chimiche, ipossia del cervello.

Forme di paralisi cerebrale

·         quadriplegia spastica;

·         diplegia spastica;

·         emiplegia;

·         forma discinetica (ipercinetica);

·         forma extrapiramidale;

·         forma atonico - astatica.

Il trattamento della paralisi cerebrale

Importante! Il trattamento dei bambini con la paralisi cerebrale si deve iniziare subito dopo la diagnosi e continuare per tutta la vita. È particolarmente importante fare tutto il possibile per mantenere e ripristinare le funzioni del cervello fino a 8 anni. Durante questo periodo, il bambino è vulnerabile e può adattarsi alla vita nella società.

Il trattamento della paralisi cerebrale deve includere terapia di esercizio, fisioterapia, metodo Vojta, massaggi, metodo di Bobath - terapia, lavoro sistematico con un logopedista e un psicologo.

Regolare i disturbi motori nei bambini di ogni età vi aiuterà trattamento di paralisi cerebrale in Tula secondo metodo dell’onorato inventore della Federazione Russa, Dottore in Medicina, il professore V.B. Ulzibat.

L'istituto di Riabilitazione Clinica offre un metodo unico di trattamento delle conseguenze della paralisi cerebrale che si manifestano nelle funzioni motorie deteriorate. Il professore V.B. Uzilbat ha sviluppato una tecnica che permette di migliorare in modo significativo la condizione dei bambini malati. Il metodo si basa sulla graduale sottocutanea dissezione del tessuto muscolare modificato al livello di fibre (cd contratture muscolari fissi) usando un bisturi speciale. Questo viene fatto per aumentare la gamma di movimento delle articolazioni, che permette al bambino di iniziare a muoversi bene, acquisire nuove competenze. Lo stesso metodo si è dimostrato efficace nel trattamento di pazienti con ipercinesia (diminuisce ampiezza dei movimenti involontari). L'istituto accetta pazienti con le forme della paralisi cerebrale spastica e ipercinetica.

Il metodo presenta una serie di vantaggi:

·         basso impatto;

·         procedura necessita di un breve tempo;

·         l'assenza di suture postoperatorie e cicatrici;

·         l'assenza dell'immobilizzazione postoperatoria con il gesso;

·         non c'è bisogno di ricovero in ospedale;

E 'importante capire che il trattamento dei pazienti con la paralisi cerebrale deve essere complesso, includere l'applicazione di tecniche conservative e chirurgiche. È necessario fare costantemente con il bambino fisioterapia di riabilitazione e con la crescita fare la correzione chirurgica dei disturbi motori. E poi si può ottenere davvero ottimi risultati e far tornare i bambini con la paralisi cerebrale alla vita sociale normale.

Ogni bambino è un intero universo! Noi accuratamente e amorevolmente ci prendiamo cura di ogni paziente.